Poesie dialettali di Sergio Proia

P’ gliann’

Uagliù, cagnatev le scarp, tugliet gliù saccut,
chiappat’v’ gliù cistr cchiù capput,
iam p’ gliann’ attèrra a gliù fuoss
addò l cierqu’ so’ cchiù ròss.
Uann gliù puorc è sicc,
c’ n’ uless ogn’i iorn nù sicchi’.
C’ purtam nu cantucci’de pan rusc’ cu’ lla frettata,
fra glium’ i gliustr’ chiudem la iurnata.
Massèra ci attòcca la menestra cu llù pan’ sott’,
ce magnam’ du faciuor vers l’ott’,
nu b’cchier d’ vin, du castagn’ mosci’e i apò,
Di’ s’e gli preia chi gli’ vò.

 
  Per ghiande

Ragazzi, cambiatevi le scarpe, prendete il sacco,
portatevi il cesto più capiente,
andiamo per ghiande giù al fosso,
dove le querce sono più grandi.
Quest’anno il maiale è magro,
ce ne vorrebbe ogni giorno un secchio.
Ci portiamo un cantuccio di pane rosso con la frittata,
all’imbrunire chiudiamo la giornata.
Stasera ci spetta la minestra con il pane sotto,
ci mangiamo due fagioli verso le otto,
un bicchiere di vino, due castagne mosce e poi,
chi vuole Dio che se lo preghi.

     

Gliù scarpar

N’ iuòrn iètt a Rocch’, gliù scarpar
P’rchè fra tutt era gliù men car.
Féc’ie ncullà na pezza alla sòla
i attunnà du tacch’ cu’ lla mola.
Steva dent a’nna cantina senza repùs,
ce puzzava d’ mastic’e i d’ chius.
Iss, cull s’emenz ‘mmocca,
p’stava gliù martiegli’e alla scòcca
i cantava, canzon vecchi’e, scurdat’e,
ch’e raccuntavan’ stori’e passat’e,
f’enit mal’e. La voce iscieva roca
i la voglia d’ fatià era propria poca.

 

Il calzolaio

Un giorno andai a Rocco, il calzolaio
perché tra tutti era il meno caro.
Feci incollare una pezza alla suola
e arrotondare due tacchi con la mola.
Stava dentro ad una cantina senza riposo,
ci puzzava di mastice e di chiuso.
Egli, con le puntine in bocca,
pestava il martello alla scocca
e cantava, canzoni vecchie, dimenticate,
che raccontavano storie passate,
finite male. La voce usciva roca
e la voglia di lavorare era proprio poca.

     

Gliù barbièr

R’mpuost ngima a tutt, a ciènt scalin d’ fatìa,
steva Fiurin Bardasciòtt, gliù barbièr mìa.
Nu sgabuzzìn ch’ era stritt i scùr,
nu pièzz d’e spierch’ie mpiètt agliù mùr,
gliù furnell p’ scallà l’acqua app’icciat,
ngim’ alla seggia l’e parol’ ncruciat.
Nu sgabell v’icin alla f’enestra rotta
ch’ zumpava s’ c’e div na botta.
“Fammigli’e curt sti capigli’e ch’è call i sud
ma nnò tropp, s’ nò m’ par nud.
Iss parlava i raccuntava gl’i fatt ch’ er’n succiès,
chi s’era ittàt a scium agliù paès,
chi s’era tagliat na vèna
i chi s’era purtat na vagliona prena,
chi curnùt i cuntient s’ ne steva,
i a spass p’ gli camp s’ n’e ieva.
Chi sott’ sott’ ammasc’iecava amar
ca la mogli’e s’ fr’ecava gliù cumpar.

  Il barbiere

Piazzato sopra a tutto, a cento scalini di fatica,
c’era Fiorino Bardasciotto, il barbiere mio.
Uno sgabuzzino che era stretto e scuro,
un pezzo di specchio attaccato al muro,
il fornello per scaldare l’acqua acceso,
sopra la sedia le parole crociate.
Uno sgabello vicino alla finestra rotta
che cascava se ci davi una botta.
Fammeli corti questi capelli perché è caldo e sudo,
ma non troppo altrimenti sembro nudo.
Lui parlava e raccontava i fatti che erano accaduti,
chi si era gettato al fiume giù al paese,
chi s’ era tagliato le vene,
chi s’ era portato a casa una ragazza incinta,
chi cornuto e contento se ne stava
e a spasso per i campi se ne andava.
Chi sotto sotto masticava amaro
perché la moglie andava a letto con il compare.

     

Gl’ ann ’cchiù bièglie

Quann’ iarimm p’ ruschi’ alla Bandiera
Dopp magnat, fin quac’ a sera,
N’ gim allà Macchiozza o arrèt a gli’ abbuschett.
Allà Madonna o attorn a gliù laghett,
A gliù Pantàn o atterra a Cecatièglie
Cugliù serricchi’ apprièss i gliù curtieglie,
I, Gin Zorr, zi’ Alfièr i Campanieglie.
“Scappa, na serpa, attient, mo’ l’accid,
Sta iecc, sta nasçcosta, n’ là vid?”
Era na vota, ippur pàr mò,
Ma gl’ann, gl’cchiù bièglie, chiglie sò.

 

Gli anni più belli

Quando andavamo per asparagi alla Bandiera,
dopo mangiato, fino quasi a sera,
sopra la Macchiozza o dietro al Boschetto,
alla Madonna o attorno al laghetto,
al Pantano o giù a Cecatieglie,
con la roncola indosso ed il coltello,
io, Gino Zorro, zio Alfiero e Campanieglie.
“Scappa, un serpente, attento, adesso lo ammazzo!
Sta qui, sta nascosto, non lo vedi?”
Era una volta, eppure sembra adesso,
ma gli anni, i più belli, quelli sono.

     
Iènn p’ fùgn’e

Iterza alla selva c’e chiuètt,
adduman m’arrizz’ ciètt ciètt
i vad p’ fugn n’gìma a gliù canàl.
Gli cazùn affuciàt, gli stuàl,
nu can’ striegli’e mman, chigli’e tùnn,
na mazzetta p’ scanzà l’e frùnn,
r’eman fin a quann’e n’ m’e scocc’e
p’ truà du purcin o du v’ellòcc’e,
du cal’triegli’e o trea quatt’ manell,
du mazz’ d’ tammùr o du ruscèll.
I s’n’n tròv nient, sa ch’ facc’?
Gli’e guant ch’ port m’e gl’i cacc’,
r’ecogli’e nu c’istr’e d’ castagn’e
i la sera me le coc’e i m’e l’e magn’e.

  Andando per funghi

L'altro ieri alla selva è piovuto,
domani mi alzo presto presto
e vado per funghi, su al canale.
I calzoni rigirati, gli stivali,
un canestrello in mano, quello rotondo,
una mazzetta per spostare le foglie,
resto fino a quando non mi stanco,
per trovare due porcini o due ovuli,
due galletti o tre o quattro ditole,
due mazze di tamburo o due russole.
E, se non trovo niente, sai che faccio?
I guanti che porto me li tolgo,
raccolgo un cesto di castagne
e la sera me le cuocio e me le mangio.

     

Cumm’ passarìmm gliù tièmp

Faciarrìmm a bacchìtt o a chiapparèlla,
a cavallina o a nascunnarèlla,
giucarrìmm a pallon a gliù campètt
o c’ie attaccarrìmmm annù carrètt.
Purtarrìmm gliù circhi’e o la carrètta
currènn’e p’e nna strada sc’trètta sc’trètta.
N’saccoccia t’enarrìmm l’e pallìn
i nu biègli’e mazz’ e’ figurìn.
O’ ci’attripparrìmm d’e mazzàt
Fin a quànn ci’arrìmm r’emunnàt.
La sera r’entrarìmm chiòtt chiòtt
cull’ scarp d’ sòla tutt’ ròtt.
I s’ n’ bastava sul’ chèst
alla casa ci’arrennèven lu rièst.
“Vagliò t’tiè mparà a campà,
fila a gliù liètt senza magnà”.
Ch’ era bbuon chigliù panìn
annascuòst sott a gliù cuscìn.

  Come passavamo il tempo 

Giocavamo a nizza o a prendersi,
a cavallina o a nascondino,
giocavamo a pallone al campetto
o ci attaccavamo ad un carretto.
Portavamo il cerchio o la carrozza
correndo per una strada stretta stretta.
In tasca portavamo le palline
ed un bel mazzo di figurine.
O ci riempivamo di mazzate
fino a quando non c’eravamo spellati.
La sera rientravamo piano piano
con le scarpe di suola tutte rotte.
E se non bastasse solo questo
a casa ci davano il resto.
“Ragazzo, devi imparare a vivere,
forza, a letto senza mangiare!!”
Com’ era buono quel panino
nascosto sotto al cuscino!.

     

Artùr

Currìv p’gli camp, saltav’ gli mutùn,
er’n àt tièmp, arrìmm vagliùn,
n’ iòrn “ m’ n’ vad”, m’ d’cist,
m’ lassast’ nu pupàzz i t’ n’ ist.
N’ t’ sò vìst cchiù, chi sà addò stà,
Chi sà quann’ r’viè a glì Nannà.
Da ndànn’ sò decìs, m’ stòng iècc.
M’ manch’n le fratt’, le vrùtt, le prêt,
la gent, gli pariènt, le stràd’,
gliù sciùm, gliù rì, le cuntràd’
gli rùschi’e, gli fùgn, le inèstr,
la fòssa a gliù mònt, la fùntana dell’ uòr,
gliù lag ch’puzza, la curva d’lla ròzza,
la piazza, gli pùzz, la pìzza, gli fiùr,
gliù migli’e, le scal’, le chiès, gli mùr,
gliù tièmp,l’acqua, gliù sol’, gli camp.
Artù, m’ d’spiac’ ca tu n’ c’e si pùta stà,
i stù paès’e n’ gli pòzz lassà.

 

Arturo

Correvi per i campi, saltavi i muretti,
erano altri tempi, eravamo ragazzetti,
un giorno me ne vado, mi dicesti,
mi lasciasti un pupazzo e te ne andasti.
Non ti ho visto più, chissà dove stai,
chissà quando ai Nannà tornerai.
Da allora ho deciso, resto qua.
Mi mancano le fratte, le grotte, le pietre,
la gente, gli amici, i parenti, le strade,
il fiume, il rio, le contrade,
gli asparagi, i funghi, le ginestre,
la fossa del monte, la fontana dell’oro,
il lago che puzza, la curva della rozza,
la piazza, i pozzi, la pizza, i fiori,
il miglio, le scale, le chiese, i muri,
il tempo, l’acqua, il sole, i campi.
Arturo, mi dispiace che tu non ci sei potuto stare,
io questo paese non lo posso lasciare.

     

Gliù laghètt

R’ stregnènn cièrt cart, sc’tammatìna,
repòst sott’ a ’nnu stipètt,
me so’ truàt mmàn na cartullìna,
cu ngìma retrattàt gliù laghètt.

La barca, gliù scialè, le paparèlle,
so’ r’ ìt a quànn, da vagliòn,
iarìmm a bèv arrèt a gliù Bucòn,
miès a marzaròl i caglinèll,

Gl’ addòr d’acqua sulfa!!! ... gli resènt ancòra,
s’ chiùd gli uòcchie, stènn quà ass’ttàt,
i revèd nsuònn, speci’e quann è nòtt,
la banchina, ngìma agl’isolòtt,
‘ndò me so’, la prima vòta, nnammuràt.

 

Il laghetto

Radunando certe carte, stamattina,
riposte sotto ad uno stipetto,
mi sono ritrovato in mano una cartolina,
con sopra raffigurato il laghetto.

La barca, lo chalèt, le paperelle,
sono ritornato a quando, da ragazzo,
andavamo a bere dietro al Bucone,
in mezzo a marzaiole e gallinelle.

L’odore di acqua solfurea!!! … lo risento ancora,
se chiudo gli occhi, stando qui seduto,
e rivedo in sogno, specialmente quando è notte,
la panchina, sopra all’ isolotto,
dove mi sono, la prima volta, innamorato.

     

L’ accurciatòra

Vurrìa r’ ì quarant’ann arrèt,
arr’zzàmm la matìna a nisciun ora
pe ì alla Madonna a pèt a pèt,
passènn p’ ll’accurciatòra.

Camm’nà tra vrùtt i fuòss ‘e la Fraìna,
pe r’scì a gliù rì chè già quac’e matìna.
Azzècchà le scalètt ‘e lla staziòn
i ‘mbuccà la viòzza ssòtt a gliù custòn;

quànn la via se fa cchiù stretta
ècch ch’ arriv’ allà chi’esètta.
Quanta gent’, quanta d’voziòn,
loc’ attòrn è chìn d’ persòn.

La mon’ca ass’ttàta a gliù banchètt,
la femm’na scàusa ch se batt mpiètt
la vecchia ngenucchiàta p’ la vìa
r’pèt la stessa litanìa:

“Madonna mia d’ Lòr
viècc’tu quann’ì m’ mòr…..
Quant’ giuv’n, quanta criatùr,
quant’uòmn appuggiàt a chigliù mùr.

Ogg’ie ch’ è cchiù facel’ arr’và
tutta chella gent n’c’e stà.
Ippur mò la strada è c’lindràta
i la via vecchia è stata abbandunàta.

Fràtt, fràsch’, zipp, spìn
p’ tùtt’ te sbàrrn’ gliù cammìn,
i s’ ulèss r’vedè nà vòta ancòra
la via ch’ s’ facèva sempr’ allòra,

m’ la pòzz sunnà la nott’ sulamènt
ancora n’ àtu puòch…. i pò…. cchiù niènt.

 

La scorciatoia

Vorrei tornare quarant’anni indietro,
alzarmi la mattina a prima ora
per andare alla Madonna a piedi a piedi,
passando per la scorciatoia.

Avanzare tra grotte e fosso della Fraina
per riuscire al rio che è già quasi mattina.
Salire le scalette alla stazione
ed imboccare il viottolo sotto al costone.

quando la via si fa più stretta,
ecco che si arriva alla chiesetta.
Quanta gente, quanta devozione,
Là intorno è pieno di persone.

La monaca seduta sul banchetto
la donna scalza che si batte il petto.
la vecchia, inginocchiata per la via
ripete la stessa litania:

“Madonna mia di Loreto
vieni tu quando io muoio…..”
Quanta giovani, quante creature
quanti uomini appoggiati a quel muro.

Oggi che è più facile arrivare
tutta quella gente non c’è.
Eppure adesso la strada è asfaltata
e la via vecchia è stata abbandonata.

Fratte, frasche, zeppi, spine,
dappertutto ti sbarrano il cammino
e se volessi rivedere una volta ancora
la via che si faceva sempre allora,

me la posso sognare la notte solamente,
ancora un altro po’……e poi… più niente.

     

Annànz a gliù cammin

Stò annànz a gliù cammin i pens,
massèra n’ magn,
m’accorg’e ca chiagn’,
l’ lacr’em cad’n dagl’ uocchie i n’sacc’e p’rchè,
sto mal’ i n’ved cchiù chi sta attorn’ a me.
N’c’e sent, parlat’ cchiù fort,
ch’ pes’n st’ann ch’ n’cuogli’e m’ port.
Stò annànz a gliù cammin i dorm’,
m’sonn gli camp, cacùn ch’ strilla,
po’ m’ r’vigli’e, guard la fiamma a gliù fuoc i r’part.
M’ sonn’ la nev’, gliù lag, gli can, lu scùr, la gent, l’ man’e.
Stò annànz a gliù cammin i guard,
sta camm’ra è stretta, n’c’e regg’e.
Arràp’ la porta i esc’e,
gliù mùnn’ è gliù mia.
Cammìn nu puòc’ i po’ m’ r’vigli’e,
stò ancora annanz a gliù fuoc.
Stò ancora iècch’ i aspett,
pèns, chiagn’e, dorm, guard,
nù suspìr m’ r’ntròna mpiètt,
i sent ca, chiàn chiàn, s’è fatt tard.

 

Davanti al camino

Sto davanti al camino e penso,
stasera non mangio,
mi accorgo che piango,
le lacrime mi scendono dagli occhi senza un perché,
sto male e non vedo più chi sta intorno a me.
Non ci sento, parlate più forte,
che pesano questi anni che addosso mi porto.
Sto davanti al camino e dormo,
sogno i campi, qualcuno che strilla,
poi mi sveglio, guardo la fiamma del fuoco e mi riaddormento.
Sogno la neve, il lago, i cani, il buio, la gente, le mani.
Sto davanti al camino e guardo,
la camera è stretta, non resisto,
apro la porta ed esco,
sono padrone del mondo,
cammino un po’ e poi mi sveglio,
sto ancora davanti al fuoco.
Sto ancora qua e aspetto,
penso, piango, dormo, guardo,
un sospiro mi risuona nel petto
e sento che, piano piano, si è fatto tardi.

     

A lavà gli pann

Sbatt’e, tuorc’ gli pann’ alla funtana,
rischiara all’e vaschie le lenzola,
t’attòcca fall’e ogni s’ttmana
i fati’e sempre da sola.
Le canzùne paisane ch’ cant
cuopren gliù rumor’ dell’acqua
ch’ zompa dent a gliù sicchi’e vacant,
nsapòna gli pann’ i sciacqua.
La gent’e s’avvia a gliù ort’, all’ cas’ spallat’e
i fischia senza pensà a ddumàn.
Attaccat’ a gliù murcanàt,
abbaia a tièmp, gliù càn.
Passa Meliucc’, corr’ cu gliù carrettìn
ngima all prèt smòss,
Le ranocchi’e, sott’ l’ cann, fann’ casìn
saltènn dent’ a gliù fuòss.
Quann’e gliù sol s’àsa
ngima alla cerqua i t’ncòce la schina,
r’mitt gli pann alla cunculina,
i sub’t r’entra alla casa.

 

A lavare i panni

Sbatti, torci i panni alla fontana,
rischiara alle vasche le lenzuola,
ti tocca farlo ogni settimana
e fatichi sempre da sola.
Le canzoni paesane che canti
coprono il rumore dell’acqua
che zompa dentro al secchio vuoto,
insapona i panni e sciacqua.
La gente s’avvia all’orto, alle case spallate
e fischia senza pensare a domani.
Legato al melograno,
abbaia, a tempo, il cane.
Passa Emilio, corre col carrettino
sopra le pietre smosse.
Gracidano, sotto le canne, le rane, 
saltando dentro al fosso.
Quando il sole si alza
sopra la quercia e ti scotta la schiena, 
rimetti i panni alla concolina
e subito rientra a casa.

     

La funtàna degl’Allògg’

Me record la funtana degl’Allògg’,
cumm’era prima nò cumm’ è ogg’.
Cumm’ cumenzàva la iurnata
venèvn l’ femmn’ cùlla cannata,
zia Flora, Rest’tùta, Carmnèlla,
Amelia, Mafalda, Angelèlla,
za Razia, Annita, Barbarina,
Menga, Lurèta, zia Rusina.
Nù vagliùn giucarrìmm a figurin,
a ‘nvunnarella, ngima all’ banchin,
chi giucava alla mamma cu gliù figlie,
chi scappava facènn’ a nascunniglie
i pe tana
valeva la funtana,
chi purtava gli cazùn cu na pezza
i t'rava all chìccr cù la frezza.
Pe la via passàv’n gli carrètt,
asin, mùl, gent a pèt i biciclett.
Mò l’acqua alla funtana n’ c’ stà cchiù,
de nott s’enn fregat
chèlle bell’ prèt bucciardat.
Guardènnala bèn na matìna,
ce mancava pur na banchìna.
Se la funtana sapèss parlà,
chi sa quànta cose putèss raccuntà.
Ma dat ca de parlà n’ n’é cosa,
allora s’ sta zitta i se reposa.

  La fontana degli alloggi

Mi ricordo la fontana degli Alloggi,
com’era ieri non com’è oggi.
Come iniziava la giornata
arrivavano le donne con la cannata.
Zia Flora, Restituta, Carmenella,
Amelia, Mafalda, Angelella.
Zia Orazia, Annita, Barbarina,
Menga, Loreta, zia Rosina.
Noi ragazzi giocavamo a figurine,
a bagnarsi, sopra le panchine.
Chi giocava alla mamma con il figlio,
chi scappava facendo a nascondino
e per tana
valeva la fontana.
Chi portava i calzoni con le toppe
e tirava ai bicchierini sui pali con la fionda.
Per la via passavano i carretti,
asini, muli, gente a piedi e biciclette.
Adesso l’acqua alla fontana non c’è più,
di notte hanno rubato
perfino quelle belle pietre bucciardate.
Guardandola bene una mattina,
mancava pure una panchina.
Se la fontana potesse parlare
chissà quante cose potrebbe raccontare!
Ma, visto che non è possibile,
allora sta zitta e si riposa.

     

M’ ne uògli’ ì …

M’ ne uògli’ ì senza dic nient’,
d’ nott’, alla spruuìsta,
chiàn chiàn, senza nu lamient’.
D’ botta, gliù suònn s’ sprufònna
i chiud’ stà puntata della vita.
N’ uòglie sentì nient atturn’ a me,
selluzz, baccagliùn, chiacchiericc’
o gent che burbotta.
N’ uòglie scutà nò chiànt i mmànc ris’.
Sul nù rosari’e alla Madonna
i nà suppl’ca a gliù Patatèrn’
p’accoglie l’alma mia n’ Paradis’.

 

Me ne voglio andare…

Me ne voglio andare senza dire niente,
di notte, all’improvviso,
piano piano, senza un lamento.
Di botto, il sonno si sprofonda
e chiude ‘sta puntata della vita.
Non voglio sentire niente attorno a me,
singhiozzi, baccano, chiacchiericcio
o gente che borbotta.
Non voglio sentire né pianti e neanche risate.
Solo un rosario alla Madonna
e una supplica al Padreterno
che accolga l’anima mia in Paradiso.

     

Vuògli’e l’uògli’e

Raccuògli’e l’ glìv’e, rrìgn’e gliù sàcc,
mittatìgli’e n’cuògli’e
i port’gli’e, chiàn chiàn, à gliù muntàn.
È l’uògli’e ch’ vuògli’e.

L’uògli’e ch’ frìie
l’uògli’e ch’ pìzz’ca
l’uògli’e ch’ panògn’e
l’uògli’e ch’ rrègn’e.

L’uògli’e ch’ cundìsc’e
l’uògli’e ch’ pulìsc’e
l’uògli’e ch’ guarisc’e
l’uògli’e ch’ f’nìsc’e.

L’uògli’e ch’ s’ assapòra
l’uògli’e ch’ s’ addòra
l’uògli’e ch’ s’ màgna
l’uògli’e ch’ s’ càgna.

L’uògli’e ch’ t’ ciàrma
l’uògli’e ch’ t’ forma
l’uògli’e ch’ raccòcchia l’ sòr cù glì fràt
l’uògli’e ch’ t’ sègna n’ frònta

quànn, alla fìn’, arraùgn’e gliù uàt.

 

Voglio l’olio

Raccogli le olive, riempi il sacco
mettitelo addosso e portalo,
piano piano, al montano.
È l’olio che voglio.

L’olio che frigge
l’olio che punge
l’olio che unge
l’olio che riempie.

L’olio che condisc,
l’olio che pulisce
l’olio che guarisce
l’olio che finisce.

L’olio che s’assapora
l’olio che odora
l’olio che si mangia
l’olio che cambia.

L’olio che ti incanta
l’olio che ti forma
l’olio che riunisce le sorelle con i fratelli
l’olio che ti segna in fronte

quando, alla fine, raggiungi il guado.

     

Gliù vial’ alberat’ d’ gli’ Allògg’

Quànn chiàm’ i nisciùn s’ revòta,
quànn parl’ i nisciùn cchiù t’ascòta,
quànn t’accuorg’ ca pàssen gli’ànn
i tùtt chian chian s’ ne vànn,
n’dà retta cchiù a nisciùn i, s’ t’ ‘ncazz’,
sbòtta, strìlla, fa finta ca si pàzz,
arràp d’ còlp gliù pùrton,
iètta p’ l’ scàl gliù bastòn,
tìra sèmpr’ annànz’ i ‘nfìla, sènz’ appògg’,
gliù vial’ alberàt d’ gli’Allògg’.
Lòc t’ calm’; l’ frùnn, l’ frasch, gli culùr,
gliù sòl, la nègghia, gli rumùr,
fànn nù quadrètt accucì precìs,
ca t’ sembra d’ truàrt n’ paradìs’.

  Il viale alberato degli Alloggi

Quando chiami e nessuno si volta,
quando parli e nessuno più ti ascolta,
quando ti accorgi che passano gli anni
e tutti piano piano se ne vanno,
allora se ti arrabbi,
grida, strilla, fai finta che sei pazzo,
apri di colpo il portone,
getta per le scale il bastone,
va’ sempre avanti e infila, senza appoggi,
il viale alberato degli Alloggi.
Lì ti calmi; le foglie, le frasche, i colori,
il sole, la nebbia, i rumori,
fanno un quadretto così preciso
che ti sembra di stare in paradiso.

 

 

Uno degli italiani più famosi al mondo, l'interprete che più di ogni altro ha saputo attraversare i generi del cinema mondiale con professionalità e nonchalance. Un uomo che non aveva mai dimenticato le sue origini: Marcello Mastroianni. A lui, al suo cinema, ai suoi lavori teatrali e alla sua storia è dedicato il nostro lavoro e questo sito.